fabiovander.blogspot.it

fabiovander.blogspot.it - Il blog di Fabio Vander - Email: fabio.vander@senato.it
DAY BY DAY

giovedì 21 luglio 2016

Bertinotterie

Bertinotti si conferma il solito cialtrone. Stordito e irresponsabile. La sua intervista al Manifesto ne è l'estrema ma sicuramente non ultima riprova. Ripropone per l'ennesima volta la stolida alternativa fra la contrapposizione destra-sinistra, che a suo dire sarebbe superata (come sostiene da sempre la destra) e che andrebbe sostituita da quella "alto-basso", che rilancerebbe tra l'altro la "lotta contro le elite". Come se anche un bambino non capisse che le due cose vanno invece sempre e comunque insieme, la sinistra si oppone alla destra in quanto opposizione democratica delle masse alle elite di potere. E' sempre stato così, è la filosofia del potere quella di proporre elites (secondo Mosca e Pareto di qualsiasi potere), la democrazia è stata invece inventata apposta per 'democratizzare le elite'; se si vuole un'aporia, ma che è anche la costante sfida che i riformatori pongono al potere. Contrappone l'una opposizione all'altra è bambinesco. E porta a non capire niente della politica. Del come intervenire criticamente sulla realtà. Non a caso Bertinotti passa a individuare una mitizzata società civile contrapposta puramente e semplicemente alle elites (cita al solito gli indignados, le nuits francesi ecc.), con una irresponsabile appunto elisione fra masse e politica, fra potenza sociale e potere. Così non si troverà mai la quadra fra una sinistra di opposizione e alternativa e luoghi istituzionali e politici ormai considerati perduti.
Antipolitica è questa. Contesta di questa pseudo-cultura di sinistra eternamente minoritaria, nei cervelli prima ancora che nelle scelte. Non a caso Bertinotti si dice "interessato" ai 5Stelle, che se non fossero razzisti quanto ai migranti (ma è un caso che lo siano?) sarebbero il suo partito.
Ma il culmine dell'irresponsabilità lo raggiunge dove dice che intende scrivere un "elogio dell'instabilità". Con tanto di riferimento a Mao tse tung del disordine sotto il cielo.
Conclude dicendo che bisogna abbandonare ogni idea di partito, "per andare verso pratiche sociali". ...ancora!!!!
Gente che ha avvelenato per decenni la scena politica italiana e che non smette di fare danni neanche da pensionata.

Nessun commento:

Posta un commento